Scarica la brochure dell'evento in PDF

brochure 2012

Artrosi, Protesi e Riabilitazione

Sede del corso - PALAZZO DEI CONGRESSI POLICLINICO UNIVERSITARIO
 
 

Vai alla galleria dell'evento

Prenota la visita

Guarda le foto della manifestazione

Sfoglia la galleria di foto e video del Kinecenter e scopri nuovi contenuti

vedi il redazionale dell'evento

Hai bisogno di altre informazioni?

Prenota la visita

Invia una mail alla nostra segreteria

Compila il modulo. Nella stessa pagina troverai anche gli altri recapiti per contattarci

2010 - Artrosi, Protesi e Riabilitazione

Artrosi

L’artrosi può essere definita come una malattia articolare ad evoluzione cronica caratterizzata da lesioni degenerative e produttive a carico principalmente della cartilagine articolare. È una patologia che apparentemente riguarda solo una popolazione di persone adulte, ma in realtà il processo degenerativo e i diversi fattori che alterano l’equilibrio articolare hanno inizio in età giovanile, per cui si può tranquillamente affermare che l’artrosi è un fenomeno degenerativo che vede il suo punto d’arrivo nell’età adulta (60-80a), ma non quello di partenza.

Protesi

La chirurgia ha cambiato notevolmente l’escursus altamente disabilitante che circa 15-20 anni fa portava il paziente affetto da grave artrosi delle articolazioni portanti a limitare notevolmente le attività di vita quotidiane e la qualità della vita. Poter sostituire un’articolazione modificata dal tempo o da eventi traumatici, con un’altra biomeccanicamente valida, è certamente un traguardo importante per la chirurgia come scienza medica, in particolar modo per il paziente che vede prolungate e migliorate le proprie aspettative di vita.

Riabilitazione

Sia conservativamente che nella fase post chirurgica la riabilitazione svolge un ruolo
predominante nella gestione del paziente con degenerazione articolare. Se ci troviamo di fronte ad un paziente non chirurgico è chiaro che non possiamo pensare di poterlo
gestire con il solo approccio farmacologico senza dare la giusta attenzione al motore della nostra articolazione: il muscolo. Essere sottoposti ad un intervento chirurgico non è sinonimo di un buon ripristino della/delle funzioni. Per ottenere ciò è indispensabile la figura del riabilitatore che guidi il paziente attraverso un delicato processo di coscentizzazione, apprendimento e automatizzazione di schemi motori utili al recupero di una determinata funzione, liberi da qualsiasi meccanismo di compenso. Come sempre il confronto tra le diverse figure professionali è la chiave di volta per gestire al meglio patologie radicate nella nostra società come l’artrosi.